Il Tao dell'acquerello

Risalendo il torrente - acquerello / watercolor 

Cari amici, oggi è mia ospite la scrittrice e amica Grazia Cavasino con il suo bellissimo libro Il Tao dell’acquerello!
Sono rimasta entusiasta di questo testo, e ne ho spesso ripercorso vari passaggi e frasi, perchè nelle parole di Grazia ho ritrovato le procedure, i momenti, i vissuti interiori che accompagnano anche la creazione delle mie opere.

Dice Grazia nella sua presentazione: ”a un certo punto mi sono accorta che quanto andavo scoprendo su di me in relazione al mondo corrispondeva con quanto avevo appreso in campo artistico: le stesse problematiche, le stesse soluzioni”.
Ecco, per me il cammino è stato molto simile: dipingere ad acquerello mi ha insegnato ad accettare l’imprevisto, a cogliere l’attimo favorevole, a sviluppare la capacità di attesa, e a cogliere la bontà anche nell’apparente fallimento.

Adesso però vi lascio adesso alle parole di Grazia, e mi raccomando: leggete Il Tao dell’acquerello, e date un'occhiata anche alle sue altre interessanti pubblicazioni!

________________________________________________________________________


"Sono una persona dai moltissimi interessi. Disegno, studio canto lirico e musica antica, ho tradotto un libro dall'inglese per la casa editrice Masson Italia, ho recitato e ho praticato la danza orientale. Da sempre scrivo; da venticinque anni dipingo e da circa vent'anni mi interesso di ricerca interiore.

A un certo punto mi sono accorta che quanto andavo scoprendo su di me in relazione al mondo corrispondeva con quanto avevo appreso in campo artistico: le stesse problematiche, le stesse soluzioni. Così ho deciso di annotarmi quanto andavo notando e così ho fatto, senza sapere dove sarei arrivata. 

Dopo circa sette anni mi sono ritrovata con del materiale interessante ancora senza forma e senza una direzione. Mettendo in ordine le note non ho potuto fare a meno di riconoscere in quell'apparente caos  il percorso che accomuna ogni fenomeno sulla Terra, quello che avevo imparato a conoscere dai miei studi di filosofia cinese, cioè il movimento dei cinque elementi. 

Da lì la conferma che ciò che ha uno sviluppo logico si inscrive nel Tao, la legge, la via, la dinamica degli opposti; ecco, era nato Il Tao dell'acquerello, non un manuale d'arte e non un libro di filosofia ma una serie di riflessioni che trascolorano dall'una all'altra."


 un libro che parla d'amore quasi in ogni pagina perché è attraverso l'amore che agiamo e conosciamo. 

Ed è un libro che, svolgendosi lungo i cinque elementi tradizionali della filosofia cinese, ripercorre l'intero percorso di generazione di un acquerello, dall'ideazione all'apposizione della firma, con un linguaggio che aspira più alla poesia che alla prosa, perché è la vita stessa ad essere profondamente poetica, se solo si hanno occhi per vedere. 

Dall'acqua al legno, dal legno al fuoco, dal fuoco alla terra, dalla terra al metallo, passando per tutti i simboli corrispondenti (le stagioni, gli strumenti di lavoro, le fasi di sviluppo di un'opera d'arte), vengono presi in rassegna tutti quegli comportamenti che favoriscono un atteggiamento creativo e personale verso la vita – l'intraprendenza, il distacco, la capacità di valutare, per citarne solo alcuni – e che accompagnano il lettore fino a fargli vedere che non esiste differenza tra un'opera d'arte e la vita, perché l'arte è vita e la vita è arte."






"Volutamente nel libro non ho inserito alcuna immagine: un po' perché non reputo il mio lavoro di acquerellista all'altezza di quello di scrittrice, un po' perché dipingo essenzialmente fiori, che in molti casi sarebbero stati un soggetto fuor di luogo, e un po' per non improntare in una direzione figurativa troppo definita il mio scritto, dato che le mie parole sono state pensate e scritte per ogni genere di acquerello: naturalista, paesaggista, tradizionale, informale, di getto o di rifinitura. 
Non nego però che amerei vedere delle immagini belle e colorate accompagnare le mie parole ma non so se mai capiterà."


"Questo è senz'altro un libro breve, ma è allo stesso tempo un libro molto intenso, dove ho condensato tutto ciò conoscevo e avevo sperimentato fino ad allora. 
Molto è seguito e molto ancora seguirà ma da quel libro breve non posso prescindere. 

Rappresenta il mio primo libro andato in stampa - altri seguiranno spero a breve -  ed è così pieno di ottimismo e di voglia di vivere che anch'io, nei momenti bui che sono succeduti alla prima pubblicazione, ho dovuto farvi ricorso come memorandum e come conforto.

Quando scrivo, infatti, raggiungo una profondità di concentrazione che raramente riesco a ottenere nella vita normale e comunque mai così a lungo da riuscire a ricordare tutto ciò che sono riuscita a percepire ed esprimere. 

In occasione di questa ristampa indipendente, discretamente ma fermamente suggerita da Cristina, ho avuto modo di ricordare l'intensità con cui scrivo e la fatica di reggere quel grado di onestà viva e bruciante che mi porta a trovare le parole solo dopo averle sentire risuonare in me come una musica già scritta da altri, dopo aver fatto silenzio."



"E di silenzio parla il mio prossimo libro, scritto pochi anni dopo questo, in un continuum ideale che partendo dalla vita pratica arriva a toccare le solitudini musicali più profonde dell'animo di uno scrittore. 

Di ciò che segue il libro del silenzio non si parla per rispetto verso un figlio ancora non nato ma sto già lavorando da mesi a due progetti, uno tecnico-pratico dedicato al mondo del canto lirico e l'altro estremamente intimista di cui non anticipo nulla. 

Per tutti i miei scritti prevedo ormai un'autoedizione, trovo che questa sia l'unico modo con cui poter provare a dire la propria con garbo e senza il clamore e la burocrazia connessi con una casa editrice tradizionale. 

Non amo la pubblicità e non promuovo i miei scritti, questo articolo è un atto di amicizia verso Cristina e la sua arte, che mi ha così commosso da farmi spedire a lei il mio libro come ringraziamento per l'emozione che mi aveva regalato sul web. 
Grazie a Cristina, allora, e grazie a mio marito: senza di loro non avrei neanche pensato a ristampare quello che in momenti difficili ho ritenuto essere un episodio transitorio della mia esistenza."



Unica pagina personale autorizzata presso l'indirizzo http://www.youcanprint.it/autori/8457/grazia-cavasino-.html
Fotografie di proprietà esclusiva di Paolo Toso (c) – http://noguide.it

Si ringrazia la casa editrice Altromondo per la prima edizione del libro, il servizio di stampa on demand youcanprint.it e Fotolia per l'immagine sull'attuale copertina.

--------------------------------
iscriviti alla newsletter e avrai il 10% di sconto su tutti i dipinti!
subscribe to the newsletter and you'll get a 10% discount on all paintings!

guarda altri miei lavori nella gallery | view more of my work in the gallery